salta al contenuto

Sezione Fallimenti: Come partecipare

DISPOSIZIONI GENERALI IN MATERIA di VENDITE FALLIMENTARI
Modalità di presentazione delle offerte

  1. Tutti gli immobili e i beni mobili vengono venduti nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano; eventuali oneri per irregolarità edilizie resteranno a carico dell'aggiudicatario.

  2. Le offerte di vendita dovranno essere presentate in busta chiusa presso il luogo indicato nell'Ordinanza ovvero nell'Avviso di vendita entro le ore 12 del giorno precedente la gara di cui al successivo punto 6). 
    Sulla busta devono essere indicati la data della vendita e il nome della procedura fallimentare.

  3. L'offerta, redatta in carta libera, dovrà contenere obbligatoriamente:

    • cognome, nome, luogo e data di nascita, stato civile (se coniugato in regime di comunione dei beni indicare i dati anagrafici e fiscali del coniuge), codice fiscale, domicilio e recapito telefonico dell'offerente; per enti e società, dovrà essere indicata la denominazione sociale;

    • fotocopia del documento di identità dell'offerente o visura camerale aggiornata nel caso sia una società con fotocopia del documento di identità del firmatario legale rappresentante;

    • l'indicazione del lotto per cui l'offerta è proposta;

    • l'indicazione del prezzo offerto, che non potrà essere inferiore al prezzo base, inteso al netto delle spese e imposte, a pena di esclusione;

    • impegno al versamento del saldo prezzo alla data del rogito notarile di trasferimento, data che sarà fissata entro 30 giorni dalla data di aggiudicazione;

    • assegno circolare non trasferibile intestato al Fallimento, per un importo pari al 10% del prezzo offerto, a titolo di cauzione;

  4. Nel caso in cui l'offerta non rispetti quanto previsto ai punti precedenti, la medesima verrà esclusa. 
    L'offerta deve intendersi come irrevocabile; la mancata partecipazione all'udienza di cui al successivo punto 6) o il ritiro dell'offerta comporterà l'esclusione dalla gara e la perdita della cauzione.

  5. Nel caso di aggiudicazione, l'offerente è tenuto a versare il prezzo, le imposte, le spese e gli oneri notarili relativi all'atto di trasferimento e alle spese notarili di effettuazione della vendita con procedura competitiva (verbale notarile), alla data del rogito di trasferimento del bene; tale data verrà fissata entro 30 giorni dalla data di aggiudicazione presso il Notaio scelto dal Curatore. 
    Nel rogito il Curatore assumerà l'impegno a chiedere al Giudice Delegato il decreto di cancellazione delle iscrizioni relative ai diritti di prelazione, nonchè delle trascrizioni dei pignoramenti e dei sequestri conservativi e di ogni altro vincolo ai sensi dell'art. 108 L.F..

  6. L'offerta, anche nel caso di unico offerente, non costituirà un diritto all'acquisto del bene da parte dell'offerente, restando piena facoltà del Giudice Delegato valutare se dar luogo o meno alla vendita ai sensi dell'art. 108 L.F.

  7. Le buste chiuse saranno aperte il giorno e l'ora previsti per la gara e presso lo Studio del Notaio indicato nell'Ordinanza ovvero nell'Avviso di vendita; in tale sede verrà redatto il verbale, alla presenza del Curatore.

  8. In caso di unica offerta il lotto sarò aggiudicato all'unico offerente in base al prezzo offerto, purchè non inferiore al prezzo base. 
    In caso di più offerte valide, si procederà a gara sulla base dell'offerta più alta pervenuta e con aumento minimo già specificato. 
    I beni verranno definitivamente aggiudicati a chi avrà effettuato il rilancio più alto. 
    Non verranno prese in considerazione offerte pervenute oltre la conclusione della gara, neppure qualora il prezzo offerto fosse superiore di un sesto rispetto a quello di aggiudicazione.

  9. Qualora la procedura competitiva di vendita vada deserta, il Curatore potrà avvalersi della facoltà di far seguire un'ulteriore vendita competitiva con le medesime modalità di cui alla presente.

  10. Qualunque controversia di ordine formale dovesse intervenire, nel corso della procedura di vendita competitiva, verrà definita di comune accordo tra il Notaio e il Curatore Fallimentare.

  11. L'Ordinanza sarà pubblicata dal Curatore con Avviso di vendita avente le forme di pubblicità indicate nella stessa Ordinanza, con facoltà per il Curatore di inserire altre forme di pubblicità al fine di garantire informativa e trasparenza alla vendita.

  12. Informazioni e prenotazioni visite presso il Curatore Fallimentare.

  13. La proprietà, il possesso ed il godimento dei beni saranno a favore ed a carico dell'aggiudicatario dalla data dell'atto di trasferimento.